Comunicati stampa

ENTRIAMO IN SALOTTO – UN’IDEA SENZA LIMITI

 

 

Oltrepassare i limiti e andare al di là del pensiero tradizionale è al tempo stesso eccitante e rischioso. Gli interni di un’autovettura devono essere sempre tali, ovvero gli interni di un’autovettura? Cosa succede se si rompono gli schemi? Volvo Cars ha la risposta.

La consolle centrale della Volvo S40 costituisce un ottimo esempio di cosa può essere creato quando si osa uscire dall’ordinario traendo ispirazione ed idee da altre aree diverse dalla propria. Lo stesso vale per un designer di colori e arredamenti interni. Maria Uggla trae molta ispirazione dai mobili, in particolare dai colori e dai rivestimenti piuttosto che dalla loro forma, e da ciò che si può ottenere con colori e materiali. Se solo si osasse uscire fuori …
 
In principio c’era il tessuto e la pelle, materiali naturali che sono cambiati ben poco dalla nascita delle prime auto e, nella maggior parte dei casi, avranno esattamente lo stesso aspetto anche domani. Ecco perché le reazioni e le sensazioni per le cose che escono dall’ordinario sono così forti.

 

Idee selvagge consentite
Maria Uggla è stata piuttosto fortunata ad essere un membro di un team costituito da sole donne che lavorava alla Volvo YCC, Your Concept Car. Progettata da donne per tutti. L’approccio al progetto è stato più o meno di «idee senza limiti». I confini tradizionali erano stati sostanzialmente spostati:
  «Volevo creare interni che risentissero di una forte influenza scandinava, ma anche utilizzare materiali nuovi e colori e modelli audaci. Volevo qualcosa di più temerario rispetto a quanto si trova generalmente in un’auto, in un modo che non fosse mai stato utilizzato prima. Volevo, e mi era consentito, contestare il pensiero tradizionale che solitamente segue il design degli interni di un’autovettura», spiega Maria Uggla.

 

Entriamo in salotto
Ciò che fece Uggla fu di portare il «salotto» in auto: i colori, i modelli e i materiali che si vedono solitamente in casa, nella poltrona preferita, sulle pareti o intorno alle finestre. Ecco ciò che Maria ha scelto di trasformare in arredamenti interni e tappeti per auto nel suo elegante concetto di scambiabilità:
  «Non ero troppo sicura di come la gente avrebbe reagito ad un tessuto con fiori ricamati, ma la reazione è stata decisamente positiva. Credo che il motivo sia perché la gamma di materiali della YCC segue un tema costante e persino i fiori finiscono per essere adatti per gli interni di un’auto. Oltre a questo, ci sono indubbiamente quelli che sceglierebbero un rivestimento di pelle più sportivo se ne avessero l’opportunità», afferma Maria.
  «E questo è esattamente il punto. Basta semplicemente togliere il modello floreale se si preferisce altro e sostituire le foderine dei sedili con una pelle più discreta o un tessuto di lana. A loro volta, questi possono essere facilmente sostituiti con qualcosa di più giovane, con molto colore e in materiale fresco e alla moda. Libertà di scelta e infinite possibilità sono lo scopo di tutto ciò. La stessa auto, colori e rivestimenti diversi a seconda di chi la guida, come le copertine dei telefoni cellulari. Lasciamo che siano lo stato d’animo e le esigenze a decidere. È così che voglio le auto del futuro», spiega Maria.

 

Una casa di plastica?
Gli interni delle auto e la scelta dei materiali in genere sono molto più regolati dalla tradizione. Hanno una loro vita, lontana dagli altri materiali che ci circondano, per esempio nelle nostre case, nell’abbigliamento, nelle scarpe, negli accessori e così via. Per illustrare questo concetto, Maria Uggla prova ad invertire il suo ragionamento:
  «I materiali e i colori dei salotti nelle auto e i materiali delle auto nelle case. Perché non un divano rivestito con il tipico tessuto per auto o un tavolino da caffè in plastica nera con un tappetino in gomma sotto? No, non funzionerebbe. Per il momento è più facile provare a portare il salotto in auto piuttosto che il contrario. Quello che voglio dire è che se si scelgono materiali per interni che soddisfano tutti, c’è il rischio che il risultato possa essere facilmente impersonale, come la sala d’aspetto di un medico. È molto più interessante poter aggiungere un tocco personale, dare al cliente la possibilità di personalizzare la propria autovettura per renderla uno spazio privato dove possa rilassarsi e sentirsi a proprio agio».
 
Nel suo lavoro come designer di colori e arredamenti interni, Maria Uggla ha la possibilità di provare tessuti nuovi e colori interessanti. Alcuni vanno meglio di altri. Soprattutto tra i tessuti per mobili ci sono molte cose interessanti da scoprire e lo stesso vale per l’uso dei materiali negli articoli per il tempo libero.

I colori, i nuovi materiali e modelli aumentano la libertà e la creatività del designer. Ciò che è importante è che, anche se di tendenza, deve essere possibile sostituirli se e quando il cliente si stanca; e naturalmente non devono mai sminuire il valore della vettura. Al contrario, grazie al concetto di scambiabilità, l’autovettura può essere facilmente rinnovata aumentandone il valore.
  «A parte tutti questi vantaggi pratici, è anche semplicemente divertente ed interessante per un designer a volte poter provare cose nuove», aggiunge Maria. E lei ne ha appena avuta l’opportunità con la YCC.

 

Pensiero progressista
I designer sono abituati a guardare molto avanti nella loro attività quotidiana. Le cose con cui lavorano possono arrivare sul mercato dopo cinque o dieci anni. A proposito della consolle centrale dei modelli Volvo S40 e V50, Maria si diverte all’idea di poter aggiungere anche in questo caso nuove varianti e colori.
  «Mi piace uno studio che abbiamo condotto e nell'ambito del quale abbiamo creato un modello di foglie su un lato della consolle spazzolando l’alluminio in senso opposto. L’effetto è stato stupendo», afferma e continua:
  «Oltre alle versioni utilizzate oggi, potrebbe essere possibile aggiungere nuovi colori e nuove finiture quali il legno di betulla, il verde chiaro con una lucentezza metallica o il bianco semitrasparente».

 

Onestà soprattutto
«Talvolta è divertente osare, anche se personalmente preferisco i materiali chiari, «onesti». Il design scandinavo offre veramente la possibilità di essere tradizionali ed innovativi allo stesso tempo».

Il desiderio di Maria Uggla è di combinare materiali duri e morbidi in perfetta armonia, quali l’alluminio spazzolato e la pelle morbida o la pura lana. Deve anche essere ben visibile che sono stati utilizzati materiali veri e non copie artificiali. Il legno deve essere legno e la plastica deve essere plastica e deve essere possibile capire la differenza. L’essenza del design scandinavo si riassume quindi in onestà, semplicità, genuinità e funzionalità.
  «In questo modo diventa eterno ed attraente allo stesso tempo», conclude Maria Uggla.

 

50245/CR

Keywords:
Design
I fatti e le descrizioni contenuti in questo materiale per la stampa si riferiscono alla gamma internazionale di autovetture prodotte da Volvo Cars. Le caratteristiche descritte possono essere optional. I prodotti Volvo in vendita sul mercato italiano possono variare in termini di specifiche e allestimenti rispetto a quanto illustrato sul sito.

For information on how Volvo Cars process your personal data in relation to Volvo Cars Global Newsroom click here.

La Newsroom di Volvo Cars utilizza i cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente all'interno di questo sito Web. I cookie del sito non registrano i dati personali. Per maggiori informazioni, si rimanda alla nostra Pagina dedicata alla Policy per l'utilizzo dei cookie.

Accetto