Comunicati stampa

In scena al Volvo Studio Milano i giovani talenti vincitori del contest Jam The Future – Music For The Planet promosso da Volvo e collegato a JAZZMI 2019. Gli artisti premiati si esibiranno nell’ambito della rassegna jazzistica milanese il prossimo novembre.

 

Si è concluso ieri sera al Volvo Studio Milano – con una serata dedicata e la proclamazione delle tre band vincitrici – il contest Jam the Future – Music For the Planet, innovativo progetto per la valorizzazione di giovani talenti jazzistici under 30 promosso da Volvo Car Italia nell’ambito della partnership con JAZZMI, la rassegna diffusa di jazz in città che torna a Milano per la sua quarta edizione dall’1 al 10 novembre prossimi.

 

Il contest si è sviluppato fra aprile e giugno e ha visto candidarsi oltre 50 band che si sono cimentate nella composizione di progetti musicali originali avendo come tema quello della sostenibilità, del futuro del pianeta e all'energia di domani. Dopo le semifinali, alle quali hanno avuto accesso i migliori undici gruppi usciti dalle selezioni, ieri sera al Volvo Studio Milano si sono dunque esibite le tre band vincitrici, per le quali la vittoria significa in concreto la possibilità di esibirsi nell’ambito della rassegna JAZZMI 2019.

 

La giuria che ha valutato i progetti musicali in gara è stata composta da Enrico Intra, Attilio Zanchi, Tino Tracanna, Stefano Ghittoni, Rosaria Crisafi, Filippo Grieco, Ricciarda Belgiojoso, Giuseppe Ponti ed Erminia De Angelis, oltre che dal Presidente di Volvo Car Italia Michele Crisci.

I tre progetti che secondo la giuria hanno meglio raccontato il tema dato, pur con stili del tutto differenti, e che sono stati dunque protagonisti della serata finale al Volvo Studio Milano sono stati quelli di Maisemat, Enrico le Noci Quartet e Studio Murena.


Maisemat / Sleeping in the Forest

Maisemat (in finlandese “paesaggi”) è un piano trio italo-americano formatosi ad Helsinki nel 2018 che descrive, attraverso composizioni originali, paesaggi naturali e umani.

Sleeping In The Forest è una composizione ispirata dalla lettura del "WMO statement on the state of global climate in 2018" rilasciato dall'ONU e ideata come una mini suite in tre movimenti, espressione musicale di tre differenti stati d'animo. Il brano racconta dell'esperienza di una notte passata all'aperto in una foresta, nella quale è la foresta stessa a mettersi in contatto con la persona suggerendo, attraverso il subconscio, riflessioni sugli effetti dei cambiamenti climatici che stanno avvenendo.

 

Enrico Le Noci Quartet / One For Humanity

Le composizioni del giovane leader e chitarrista Enrico Le Noci strizzano l’occhio alla tradizione Hard Bop degli anni ‘60, alle melodie Blue Note e armonie contemporanee ma allo stesso tempo vengono ciascuna da un’esperienza umana e personale.

One For Humanity nasce come messaggio di speranza nell'umanità attraverso la musica, per un futuro in cui l'umanità intera è unita nella collaborazione, nel rispetto del prossimo e dell'ambiente, guardando al progresso come un "veicolo" per poter costruire armonia e poterci prendere cura del benessere fisico e spirituale.

 

Studio Murena / Utonian

Studio Murena è un eclettico gruppo jazz hip-hop che nasce a Milano nel 2018 da cinque musicisti del conservatorio Giuseppe Verdi. Il loro percorso musicale si orienta verso sonorità black.

Utonian è un dialogo interiore di un abitante di Utonian, sconvolto dalla mancanza di responsabilità e rispetto nelle interrelazioni della Terra e che cerca di trovare, nelle vibrazioni della musica, la speranza di un futuro sostenibile.

 

A dare un tocco di ulteriore prestigio alla serata del Volvo Studio Milano è stata la partecipazione straordinaria del Nick The Nightfly Quintet, che si è esibito per il pubblico presente.

 

Sulla base del pensiero avanzato e progressista che contraddistingue l’azione di Volvo – da sempre attenta ai giovani, al futuro, all'evoluzioni del mondo e alle importanti trasformazioni in atto per proteggere l'avvenire di tutti – il progetto Jam The Future – Music For The Planet, conferma l’approccio human-centric di Volvo, che punta a salvaguardia e valorizzazione della persona.

 

È stato un piacere, oltre che un onore, far parte della giuria di Jam The Future,” afferma Michele Crisci, Presidente Volvo Car Italia. Che aggiunge: “La qualità artistica e interpretativa espressa dagli artisti in concorso è stata straordinaria e impressionante. Sono certo che la scelta fatta ha premiato artisti di grandissimo talento destinati a un futuro luminoso. E in tal senso, ci tengo a sottolineare come ci sia Volvo dietro questa opportunità: perché suonare su un palcoscenico importante come quello di JAZZMI è davvero, per un giovane musicista, un viatico di grande valore. Ancora una volta Volvo si è dimostrata, attraverso le proprie iniziative attenta alle persone, in questo caso mettendone in evidenza le doti artistiche.

 

JAZZMI, il festival jazz diffuso di Milano, con oltre 200 eventi e 500 artisti coinvolti, racconta l’universo del jazz in tutte le sue declinazioni: la sua storia, il suo presente, il suo futuro, i generi con cui dialoga e con i quali si contamina. La rassegna – che coinvolge cento location della città, media partner e importanti enti culturali – punta a promuovere la crescita, lo sviluppo e la diffusione del jazz.

Il programma nel quale si inseriscono gli appuntamenti previsti al Volvo Studio coinvolgerà oltre 170.000 spettatori in tutta la città nel periodo che va da giugno a novembre 2019.

 

Il contest relativo a JAZZMI segue i concerti tenutisi sabato 18 e domenica 19 maggio nell’ambito di Piano City Milano, uno dei più grandi festival musicali del mondo con i suoi 400 concerti gratuiti per oltre 50 ore di musica e la massiccia affluenza di pubblico, che ha ritrovato nel Volvo Studio Milano, dopo l’esperienza dello scorso anno, la sua base nella zona di Porta Nuova.

Le attività legate a JAZZMI e i concerti di Piano City costituiscono gli elementi essenziali del ciclo di incontri Volvo Studio Milano For Music, uno dei filoni tematici definiti per il Volvo Studio Milano nel 2019.

 

Volvo Studio Milano, finestra su valori di brand e mobilità sostenibile

Il Volvo Studio è un concept globale di Volvo Car Group che trova a Milano la prima applicazione. Il Volvo Studio Milano è stato inaugurato nel corso del 2017 ed è concepito come un raffinato ed elegante ambiente di ispirazione scandinava nel quale il pubblico incontra Volvo e i suoi valori entrando in un mondo fatto di tecnologia innovativa, sicurezza e attenzione all’ambiente, design, eleganza e lusso scandinavo. La Casa automobilistica racconta sé stessa e raccoglie le opinioni del pubblico sugli scenari della mobilità di domani.

 

In tal senso, il Volvo Studio Milano vuole essere una finestra sulla città di Milano a favore della Mobilità Sostenibile. Da sempre la città è simbolo del gusto, del design e della moda, Milano è oggi anche un esempio di sviluppo urbanistico efficace. Da qui la scelta di aprire proprio nel cuore della nuova città il primo Volvo Studio, nel quale raccontare il viaggio di Volvo verso la mobilità del futuro.

 

----------------------

 

Volvo Car Group nel 2018

Nell’esercizio finanziario 2018, Volvo Car Group ha registrato un utile operativo di 14.185 milioni di SEK (14.061 milioni di SEK nel 2017). Nello stesso periodo, il valore dei ricavi è risultato pari a 252.653 milioni di SEK (208.646 milioni di SEK). Nel corso del 2018, le vendite hanno raggiunto la cifra record di 642.253 (571.577) unità, registrando un incremento del 12,4% rispetto al 2017. Questi risultati evidenziano gli effetti del processo di radicale trasformazione a livello operativo e finanziario compiuto da Volvo Cars negli ultimi anni con l’obiettivo di preparare la Casa Automobilistica alla successiva fase di crescita.

 

Volvo Car Group in breve

Volvo è presente sul mercato dal 1927. Oggi Volvo Cars è uno dei marchi automobilistici più noti e stimati al mondo, con vendite complessive che nel 2018 hanno raggiunto le 642.253 unità in circa 100 Paesi. Dal 2010, Volvo Cars è sotto il controllo della cinese Zhejiang Geely Holding (Geely Holding). Volvo Cars ha fatto parte di Volvo Group, svedese, fino al 1999, quando è stata acquisita da Ford Motor Company con sede negli Stati Uniti. Nel 2010, Volvo Cars è stata poi rilevata da Geely Holding.

 

Nel 2018, Volvo Cars contava complessivamente circa 43.000 (39.500) dipendenti a tempo pieno. La sede centrale di Volvo Cars si trova a Goteborg, in Svezia, dove vengono svolte prevalentemente anche le attività di sviluppo di prodotto, marketing e amministrazione. La sede cinese di Volvo Cars è a Shanghai. I principali stabilimenti di produzione della Casa Automobilistica sono a Goteborg (Svezia), Ghent (Belgio), Sud Carolina (USA), Chengdu e Daqing (Cina), mentre i motori vengono prodotti a Skövde (Svezia) e Zhangjiakou (Cina) e i componenti della carrozzeria a Olofström (Svezia).

Keywords:
Life Style, Eventi / Attività, Altro, Aziendale
I fatti e le descrizioni contenuti in questo materiale per la stampa si riferiscono alla gamma internazionale di autovetture prodotte da Volvo Cars. Le caratteristiche descritte possono essere optional. I prodotti Volvo in vendita sul mercato italiano possono variare in termini di specifiche e allestimenti rispetto a quanto illustrato sul sito.

Contattateci

For information on how Volvo Cars process your personal data in relation to Volvo Cars Global Newsroom click here.

La Newsroom di Volvo Cars utilizza i cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente all'interno di questo sito Web. I cookie del sito non registrano i dati personali. Per maggiori informazioni, si rimanda alla nostra Pagina dedicata alla Policy per l'utilizzo dei cookie.

Accetto