Comunicati stampa

Volvo Car Corporation: Verso la terza era della sicurezza

 

 

Il tema della sicurezza ha caratterizzato e distinto Volvo Cars sin dai suoi inizi. Ora i suoi ingegneri stanno entrando nella terza era della sicurezza automobilistica con idee e soluzioni all’avanguardia per migliorare sempre più la sicurezza automobilistica odierna e futura.

Volvo Cars sta entrando nella terza era della sicurezza automobilistica con idee immaginarie nate sulle ceneri dei precedenti approcci innovativi alla sicurezza, attivi
e passivi, per offrire nuove soluzioni « intelligenti » concepite per neutralizzare i rischi legati agli errori di chi è al volante aumentando allo stesso tempo il divertimento su strada.
  Dopo aver stabilito la linea da seguire, a partire dal punto fermo della sicurezza che ha caratterizzato e distinto le proprie vetture sin dal 1927, gli ingegneri Volvo Cars addetti alla sicurezza, stanno promuovendo rapidamente idee volte ad aiutare i guidatori che hanno a che fare con un ambiente automobilistico sempre più complesso. Spingendosi oltre i limiti Volvo Cars già prodiga nell’offerta di dispositivi di sicurezza, a partire dalle storiche zone di deformazione e dalle gabbie di sicurezza, passando per i cuscinetti d’aria e le cinture, fino alla stabilità dinamica ed al controllo, gli ingegneri stanno portando avanti un nuovo paradigma della sicurezza per migliorare l’approccio tradizionale dei produttori di vetture alla protezione ed alla celebrazione della vita.
  « L’ambiente automobilistico diventa sempre più complesso, anche a causa di sempre maggiori elementi di distrazione per il guidatore, sia all’esterno che all’interno delle vetture, mettendo a dura prova la propria abilità nel fronteggiare le insidie circostanti », afferma Jan Ivarsson, safety, strategy and requirements manager.

 

Il nuovo paradigma della sicurezza
L’esperto più anziano della sicurezza alla Volvo Cars, afferma che il nuovo paradigma dell’azienda sulla sicurezza, si fonda sulla credenza che gli uomini già soffrano del sovraccarico di input derivanti dalle strade trafficate e che l’unica via d’uscita da questa empasse sia fornire programmi di supporto avanzati, automatizzati e « sofisticati » accanto al tradizionale approccio attivo e passivo alla sicurezza Volvo ».
  Tale convinzione è sostenuta da statistiche realizzate negli USA e indicanti la fallibilità degli uomini nel gestire lo stress del traffico quotidiano. Secondo la National Health and Traffic Safety Administration (NHTSA), circa 1.500 persone muoiono e più di 70.000 rimangono ferite ogni anno in circa 100.000 incidenti dovuti a stanchezza. E, in un’indagine del 1998 della National Sleep Foundation of America intitolata « Omnibus Sleep In America », circa il 23 per cento delle persone ha ammesso di essersi addormentato alla guida!
  La risposta pionieristica per Volvo Cars è di dotare i propri veicoli di sistemi « intelligenti » altamente sofisticati che non solo migliorano la percezione fisica dei guidatori, ma possono addirittura prendere il diretto controllo della macchina in situazioni critiche in cui il guidatore non reagisce con sufficiente prontezza per evitare danni.

 

Sistemi intelligenti
Per Volvo Cars, in un approccio del genere non c’è niente che assomigli ad un « Grande Fratello ». Jan Ivarsson, sottolinea che varie industrie hanno per anni utilizzato sistemi intelligenti, computerizzati per annullare la probabilità che un semplice errore umano potesse causare un disastro, ivi comprese l’energia nucleare e il settore aereo.
  Un pilota di linea, responsabile della vita di centinaia di passeggeri, è supportato dalla ingente presenza di sistemi intelligenti che mantengono l’aereo in volo praticamente in modo automatico, tenendo in considerazione il tempo, il traffico ed altre condizioni e, in grado di far atterrare il velivolo anche in presenza di fitta nebbia – cose che vanno aldilà delle possibilità umane », aggiunge Jan Ivarsson. 
  « La nuova linea di pensiero Volvo Cars vuole porre le naturali capacità umane al centro delle proprie ricerche e soluzioni e ciò non soltanto per accrescere il livello di sicurezza ma anche per fare in modo che i guidatori possano godere appieno della propria esperienza automobilistica. Negli anni, abbiamo garantito livelli significativi di sicurezza passiva ed attiva, ma ora la nostra sfida sta nel realizzare soluzioni software ed hardware che servano da « co-pilota » indulgente per l’automobilista.
  L’attuale ed eccellente strategia Volvo Cars sulla sicurezza legata alla mobilità, è basata sul fatto che il nuovo focus sulla sicurezza non deve incentrarsi unicamente sulla capacità fisica che ha una vettura di proteggere coloro che viaggiano al suo interno in caso di urto, ma anche sull’aumento di sistemi intelligenti in grado di migliorare le capacità del guidatore o prenderne il posto per gestire un eventuale problema.
  « La nostra idea è di creare un legame tra il guidatore in carne ed ossa e la vettura », dice Jan Ivarsson.

 

Errore del guidatore
Le ricerche effettuate dalla Volvo Cars, mostrano che l’errore umano è la causa principale di collisione. Volvo Cars ritiene che la soluzione risieda nel fornire dispositivi di avvertimento per il guidatore concepiti per ridurre il sovraccarico, grazie a tecnologie in grado di anticipare l’insorgere di un problema e di risolverlo, sia avvertendo il guidatore stesso del pericolo che, in un’ultima analisi, prendendo temporaneamente il controllo del veicolo.
  Volvo Cars sta promuovendo rapidamente le proprie ricerche e lo sviluppo di macchine « intelligenti » dotate di tecnologia in grado di eliminare l’errore umano o di rispondere a potenziali situazioni di pericolo più velocemente rispetto all’uomo. L’azienda ha già
in agenda « sistemi pensanti », che possono comunicare con radar esterni o sistemi di monitoraggio del traffico basati sull’uso di sonar, in grado, ad esempio, di emettere segnali di avvertimento nel caso di possibile collisione ad un incrocio.
  Il sistema Driver Alert™ Volvo Cars, ormai nell’ultima fase di realizzazione, monitora l’andamento di una vettura all’interno delle bande della corsia di un’autostrada. Se la macchina individua uno sbandamento sempre maggiore del veicolo, invia un segnale di avvertimento al guidatore per indicare un possibile colpo di sonno dello stesso. La soluzione Volvo Cars è unica in quanto a differenza di altri sistemi esistenti che studiano il movimento dell’occhio, questo sistema emette un segnale di avvertimento molto prima della chiusura delle palpebre dovuta a stanchezza.

 

Tecnologia co-pilota
I nuovi modelli Volvo attualmente in uscita, come le sostitute della S80 e V70, usciranno dalla fabbrica già dotate di tecnologia « co-pilota » di prima generazione.
  Le macchine Volvo Cars di domani come la V70, saranno dotate di soluzioni per la sicurezza ed il benessere collegate direttamente a videocamere e radar con software « intelligente » per individuare oggetti mobili o immobili che rappresentano una potenziale minaccia. Il sistema Volvo Cars, oltre ad avvertire il guidatore grazie all’uso di luci di segnalazione e dispositivi sonori del pericolo imminente di scontro con un veicolo antistante, sta lavorando per ridurre la gravità dell’impatto tramite l’uso di un supporto per i freni e l’attivazione del freno automatico.

 

Migliorare la struttura
« Siamo intenzionati ad introdurre progressivamente le nostre nuove tecnologie a sostegno del guidatore che, saranno disponibili non appena riusciremo a realizzare il nostro ultimo obiettivo: riuscire a guidare nel 2020 una delle nostre vetture utilizzando un supporto simile a quello presente sugli aerei di linea odierni », afferma Jan Ivarsson.
  Aggiunge poi che Volvo Cars realizzerà, sui sistemi polifunzionali esistenti oggi quali il suo BLIS, sistema per il monitoraggio degli angoli morti della visuale, il regolatore di velocità attivo, il sistema di allarme collisione basato su radar e l’IDIS, il sistema intelligente di informazione per il guidatore. L’IDIS monitora costantemente il movimento delle ruote sotto sterzo, attiva gli indicatori di segnale ed il grado di frenata per ritardare le chiamate in arrivo da un cellulare o messaggi SMS durante manovre che richiedono particolare attenzione come il sorpasso o la frenata.

 

Macchine a prova di città
L’idea di sicurezza Volvo Cars 2020 comprende anche un interesse nei confronti di possessori di macchine definite « a prova di città » che riducono in pratica i rischi o le potenziali conseguenze di urti a basse velocità.
  Volvo Cars ritiene che i propri veicoli dotati di sistemi di controllo anteriori e posteriori ridurranno in modo significativo i danni, soprattutto a velocità superiori alle 25 miglia all’ora che caratterizzano l’88 per cento degli incidenti, secondo le stime del vasto database Volvo Cars. Oltre a contenere i danni materiali ai veicoli, la tecnologia « intelligente » studiata per ridurre la gravità degli impatti, diminuisce anche il rischio di danni ai passeggeri ed al guidatore dovuti al colpo di frusta, sia nel proprio veicolo che in quello colpito.
  « L’approccio della nostra tecnologia « co-pilota » è la chiave di volta per il nuovo approccio Volvo Cars alla sicurezza, incentrato sulla capacità umana e l’idea portante per il 2020 », afferma Jan Ivarsson. « Dal punto di vista della sicurezza, le nostre idee per una mobilità sostenibile stanno ponendo in essere una relazione tra macchina, guidatore e traffico stradale creando così una miscela sicura, dinamica, stimolante e senza rischi che renderà piacevole la vita quotidiana degli automobilisti.

 

Mobilità sostenibile
Volvo Cars è consapevole che la strada verso il futuro prossimo come quello del 2020, richiede la realizzazione di una strategia integrata che fornisca soluzioni sicure, rispettose dell’ambiente e di elevata qualità per una mobilità sostenibile.
  « Volvo Cars è impegnata a lavorare in direzione di e per dar vita alla relazione necessaria per superare le numerose barriere politiche, economiche, sociali e comportamentali esistenti per ottenere infine una mobilità sostenibile », sottolinea Lex Kersemakers, vice presidente anziano, Brand, Business and Product Strategy alla Volvo Cars.
  « La nostra strategia d’avanguardia per il 2020 vuole offrire innovazione e sicurezza, design e tecnologia per la salvaguardia dell’ambiente ed è volta ad instaurare relazioni più strette con tutti gli attori presenti nell’industria automobilistica a livello mondialeper focalizzare l’attenzione su temi quali la sicurezza, le infrastrutture e l’ambiente con l’obiettivo di garantire ad ognuno una mobilità sostenibile ».´

 


50220/HÅ

Keywords:
Sicurezza, Aziendale
I fatti e le descrizioni contenuti in questo materiale per la stampa si riferiscono alla gamma internazionale di autovetture prodotte da Volvo Cars. Le caratteristiche descritte possono essere optional. I prodotti Volvo in vendita sul mercato italiano possono variare in termini di specifiche e allestimenti rispetto a quanto illustrato sul sito.

For information on how Volvo Cars process your personal data in relation to Volvo Cars Global Newsroom click here.

La Newsroom di Volvo Cars utilizza i cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente all'interno di questo sito Web. I cookie del sito non registrano i dati personali. Per maggiori informazioni, si rimanda alla nostra Pagina dedicata alla Policy per l'utilizzo dei cookie.

Accetto