Comunicati stampa

Volvo presenta la maggiore campagna di marchio mai condotta fino ad oggi, chiamata «Life on Board»

 

 

Dopo le originali campagne di lancio dei nuovi modelli S40 e V50, denominate «Il mistero di Dalarö» e «Route V50», Volvo Car Corporation presenta ora la più massiccia campagna di marchio della sua storia.

Continuando a utilizzare i mass media per creare attenzione e interesse verso i filmati, fruibili su Internet, Volvo presenta una serie di documentari dedicata all’intera gamma di berline, station wagon e cross country, impostati su conversazioni autentiche fra personaggi che si raccontano a vicenda straordinarie storie di vita, mentre viaggiano a bordo di una Volvo.
L’idea creativa è semplice: inserire personaggi avvincenti nelle nuove auto Volvo, far compiere loro un percorso interessante e lasciarli liberi di raccontare le esperienze della loro vita. Ne sono scaturiti dialoghi a volte profondi a volte frivoli, di volta in volta pieni di emotività o abbastanza superficiali, ma sempre e comunque veri. Un modo di presentare il prodotto che non ha precedenti. Il direttore Global Advertising, Tim Ellis, afferma: «Questa campagna nasce dalla stessa base sulla quale è stata fondata Volvo, cioè che «Le auto sono guidate dalle persone». Esplorando questo concetto, abbiamo scoperto che più parliamo con la gente sulle loro esperienze di vita a bordo di un’auto e più ci rendiamo conto di quanto profonde, importanti e intime queste esperienze possano essere».

 

Alla ricerca di persone speciali, che abbraccino la vita
Volvo e la sua agenzia pubblicitaria, la Fuel Europe, hanno cercato in tutto il mondo persone con una storia interessante da raccontare. I criteri di selezione sono stati le esperienze vissute e il modo di affrontare la vita. Pertanto, anche se non si tratta assolutamente di dipendenti Volvo o di attori pubblicitari, le loro conversazioni riflettono gli stessi valori che contraddistinguono il marchio Volvo e il carattere dei singoli modelli. Il dialogo del filmato che pubblicizza la nuova XC70 cross country, ad esempio, pone l’accento sull’avventura e la passione. Uno dei passeggeri è Bethany Hamilton, una ragazza quattordicenne, campionessa di surf, sopravvissuta all’attacco di uno squalo e di nuovo pronta a sfidare le onde dell’oceano dopo appena un mese di convalescenza. L’amica di Bethany, al volante dell’auto, è Greta Kuntzweiler, una delle donne fantino più apprezzate negli USA. La loro conversazione passa facilmente da argomenti impegnativi, come i modi per controllare la paura degli squali o le violente cadute da cavallo, a soggetti più frivoli, come lo show televisivo preferito da Bethany.
Nel film della nuova V70 station wagon, gli argomenti trattati si focalizzano invece su come conciliare le esigenze e i desideri individuali con quelli della famiglia. Il guidatore è Chris Gardner, uno degli agenti di borsa di maggiore successo a Wall Street, un uomo che a un certo punto della sua vita si è trovato senza soldi e senza casa, costretto a vivere per le strade di san Francisco assieme al figlioletto di due anni. Il suo compagno di viaggio è il Dott. Richard Wiseman, uno psicologo britannico autore del libro «Fattore fortuna», che spiega perché alcune persone siano fortunate e altre no. Chris, ad esempio, può essere considerato solo fortunato? O il suo successo si spiega con qualcosa di più di un semplice destino favorevole?

 

Un modo di vendere moderno – che Volvo ha già sperimentato con successo
Tim Ellis afferma: «Tutti i protagonisti dei filmati forniscono, nei loro dialoghi, una testimonianza di vita, non recitano una reclame per le automobili Volvo. Il nostro obiettivo, ovviamente, è quello di vendere più auto possibile. Difatti abbiamo constatato che gli spettatori assorbono una parte rilevante dei messaggi chiave che i nostri filmati, indirettamente, trasmettono su argomenti come la sicurezza, il comfort, l’alta tecnologia e le prestazioni. I passeggeri mostrati nelle immagini sono rilassati e fiduciosi, usano e fanno vedere l’auto in modo del tutto naturale. Quindi, anche questo è un modo per vendere. Un metodo che, però, si distingue nettamente dalle tradizionali formule pubblicitarie. Il nostro obiettivo, infatti, è di attirare l’interesse dello spettatore su Volvo, anziché cercare di inculcare i nostri messaggi nella sua mente».
Questa strategia prosegue l’approccio usato per le fortunate campagne delle nuove S40 («Il mistero di Dalarö») e V50 («Route V50»). Simon Pride, direttore europeo dell’agenzia pubblicitaria Volvo in Europa, afferma: «Le due campagne precedenti ci hanno insegnato come raggiungere una nuova audience Volvo. Abbiamo creato un canale di comunicazione Volvo che sembra funzionare ottimamente. Sappiamo che ci sono moltissimo potenziali clienti of Volvo, solo che ancora non sanno di esserlo. Questa campagna rappresenta un ulteriore passo avanti per raggiungere questo target».

 

Il «Life on Board» con altri filmati sui modelli Volvo
Volvo ha presentato i filmati in tutta Europa e Asia per i modelli XC90, S60, XC70 e V70. Sono attualmente in produzione quelli per le S80 e S40.

 

Ulteriori informazioni
I filmati possono visti al sito: www.volvocars.co.uk

 

IL CAST

 

Volvo S60
Luigi Colani

Il designer industriale tedesco Luigi Colani è famoso nel mondo del design per la personalità delle sue idee. La sua matita ha disegnato un po’ di tutto, dalle auto alle macchine fotografiche, alle scarpe agli occhiali da sole, dagli accendini agli aeroplani con 80 metri di apertura alare. Per Colani il design «altro non è che l’imitazione di quelle verità che la natura stessa gli ha rivelato». Attualmente lavora al progetto «Biocity» di Shanghai.

 

Lucy Orta
Lucy Orta è un’artista britannica il cui lavoro di scultura, creazione di capi d’abbigliamento e ideazioni sceniche commentano il rapporto fra gli individui e il loro ambiente. Si impose all’attenzione pubblica nel 1992 con i «Refuge Wear» una serie di capi che combinavano architettura, moda e attivismo sociale. Il più diffuso di questi, denominato «Habitent», è stato recentemente utilizzato nel video promozionale dei Red Hot Chili Peppers, «Can’t Stop».
Lucy continua a esplorare la nozione di identità, condividendo spazi e rete di contatti con il progetto in corso «Nexus Architecture» – una serie di abiti che si collegano gli uni agli altri, all’infinito.

 

Volvo XC90
Jaime Lerner
Il brasiliano Jaime Lerner lavora come architetto e urbanista. La fama internazionale, comunque, l’ha acquisita come sindaco di Curitiba. Il suo ideale di una rete di trasporto pubblico non competitiva, la sua architettura umanistica e la sua progettazione degli spazi urbani hanno trasformato una caotica città del terzo mondo in uno dei luoghi al mondo in cui è più piacevole vivere (i cittadini la chiamano «Utopia»). Oggi lavora come consulente urbanistico per città disseminate in tutto il mondo e presiede l’Unione Internazionale degli Architetti.
 
Flavia Sparacino
Forte del suo retroterra di inventrice di tecnologie interattive, di designer espositivo e di laureata al MIT, Flavia ha fondato la Sensing Places, una compagnia che si occupa di creare spazi espositivi di grande effetto. La Sparacino ha creato questi «ambienti narrativi interattivi» per musei, sedi centrali di grandi imprese, negozi, teatri, parchi a tema, aeroporti e spazi urbani di tutto il mondo. Il suo lavoro pone l’accento su un’interfaccia naturale fra la persona e l’oggetto, realizzata attraverso complesse immagini computerizzate e sensori elettronici, che permetta la libera interazione fra soggetti umani e oggetti virtuali, immagini digitali, video, grafica e luci. Fra le sue realizzazioni troviamo le installazioni per i musei d’arte moderna di Manhattan e di San Francisco, e per il Teatro alla Scala di Milano.
Nominata Cavaliere della Repubblica in Italia, ha conseguito sei lauree, un PhD del MIT, e lavora come consulente tecnologica per importanti studi di architettura e musei di tutto il mondo.

 

Volvo V70
Chris Gardner

Venti anni fa Chris Gardner era disoccupato e senza tetto, dormiva in una stazione ferroviaria assieme al figlioletto di due anni. Dopo molte vicissitudini fondò la Gardner Rich & Co., una società di brokeraggio che oggi ha un volume d’affari multimilionario. Come da disposizioni emanate da Gardner stesso, la GRC dona almeno il 10% dei suoi profitti annui a progetti di carattere sociale. Attualmente è in produzione un film su questa incredibile storia «dalle stalle alle stelle».

 

Prof. Richard Wiseman
Richard Wiseman, uno dei membri più giovani mai associati al Magic Circle, è uno psicologo famoso, affascinato dai giochi di prestigio e dalle reazioni che suscitano nelle persone.
Dopo dieci anni di studi sull’approccio e la comprensione che la gente ha verso i concetti di fortuna e sfortuna, Richard ha pubblicato un volume che raccoglie i risultati dei suoi studi. Il libro, intitolato «Fattore fortuna» è ben presto diventato un best-seller internazionale.
Insegna Comprensione Pubblica della Psicologia all’università dell’Hertfordshire e nel 2002 ha ricevuto il premio Joseph Lister Award for the Advancement of Science.

 

Volvo XC70
Bethany Hamilton

Nel giorno di Halloween del 2003, la tredicenne Bethany Hamilton fu attaccata da uno squalo mentre faceva il surf al largo della Tunnels Beach, nelle Hawaii. Nonostante abbia perso completamente il braccio sinistro e il 60% del sangue, nell’emorragia conseguente all’attacco, un mese dopo l’incidente era di nuovo in acqua con la sua tavola da surf.
Quest’anno ha ricevuto le onorificenze ESPY e Teen Choice che hanno premiato rispettivamente la sua volontà di riprendersi dal terribile incidente e il suo coraggio. Bethany continua a cavalcare le onde e, nonostante la sua disabilità, è fra le prime cinque al mondo nel suo gruppo d’età.

 

Greta Kuntzweiler
Gli appassionati delle corse ippiche americane conoscono bene il nome di Greta Kuntzweiler. È una delle pochissime donne fantino, che con la sua grinta e abilità si è fatta largo in questo sport tipicamente maschile. È un personaggio rinomato nei circuiti ippici del Kentucky ed è stata nominata la migliore esordiente del 2000. Nonostante abbia riportato fratture alla schiena e alla caviglia, nonché la slogatura delle spalle, nelle numerose cadute, rimonta sempre regolarmente in sella.

 

50220

I fatti e le descrizioni contenuti in questo materiale per la stampa si riferiscono alla gamma internazionale di autovetture prodotte da Volvo Cars. Le caratteristiche descritte possono essere optional. I prodotti Volvo in vendita sul mercato italiano possono variare in termini di specifiche e allestimenti rispetto a quanto illustrato sul sito.

For information on how Volvo Cars process your personal data in relation to Volvo Cars Global Newsroom click here.

La Newsroom di Volvo Cars utilizza i cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente all'interno di questo sito Web. I cookie del sito non registrano i dati personali. Per maggiori informazioni, si rimanda alla nostra Pagina dedicata alla Policy per l'utilizzo dei cookie.

Accetto