Comunicati stampa

Bi-Fuels: Volvo percorre con successo la strada del ”Gas verde”, dimostrando la completa praticabilità della tecnologia Bi-Fuel

 

 

Per quasi 10 anni, Volvo Car Corporation ha aiutato gli automobilisti europei a salvaguardare l’ambiente naturale e, al contempo, risparmiare soldi al momento di fare rifornimento, senza per questo penalizzare le prestazioni della propria auto. Viene ora presentata anche in Cina, il mercato automobilistico in più rapida crescita al mondo, la tecnologia del “Gas verde” Volvo, attraverso un modello Bi-Fuel.

Volvo Car Corporation presenterà la sua tecnologia più “pulita”, attraverso la Volvo S80 Bi-Fuel alla competizione internazionale per automobili ecocompatibili, il, Michelin Challenge Bibendum, di Shanghai, dal 12 al 14 ottobre 2004.

La Volvo S80 Bi-Fuel che sarà presentata a Shanghai è una cinque cilindri da 2,4 litri di cilindrata ad alimentazione doppia Bi-Fuel, cioè a gas metano (sotto forma di metano naturale, detto anche CNG, oppure di biogas, cioè metano di origine biologica) e a benzina come sistema di riserva – una soluzione già oggi sperimentata ogni giorno da migliaia di automobilisti Volvo in tutta Europa.

Con una potenza massima di 140 cv, la Volvo S80 Bi-Fuel offre le stesse prestazioni dell’analogo modello a benzina, quindi non sacrifica affatto il piacere di guida.

Volvo si è anche preoccupata di creare modelli Bi-Fuel che siano pratici e versatili come le corrispondenti versioni a benzina. Lo spazio per i bagagli è rimasto inalterato, in quanto i serbatoi del gas sono stati ubicati al di sotto del piano di carico. È altrettanto ovvio che anche per la Volvo S80 Bi-Fuel valgono gli stessi severi requisiti Volvo in tema di sicurezza attiva e passiva.

Fin dal lancio del suo primo, innovativo veicolo Bi-Fuel in Europa, nel 1995, Volvo Car Corporation ha visto l’interesse degli automobilisti indirizzarsi sempre più verso questa tecnologia, anche a causa del continuo lievitare del prezzo della benzina, e di conseguenza ha stimolato l’aumento dei punti di rifornimento per il gas. Volvo offre oggi l’ultima generazione di motori Bi-Fuel gas/benzina ad elevata efficienza, rivolgendosi ai mercati più ricettivi per questi modelli, che sono la Svezia, l’Italia, la Germania e la Svizzera.

Essendo stata la prima casa europea a progettare e produrre modelli Bi-Fuel, Volvo ha disegnato e testato accuratamente l’impianto a gas delle sue auto Bi-Fuel, accertandosi che superasse brillantemente i severissimi requisiti di sicurezza Volvo.

“La Volvo S80 Bi-Fuel fornisce benefici ambientali tangibili, abbattendo le emissioni allo scarico che provocano l’effetto serra, senza per questo penalizzare le prestazioni dell’auto e il piacere di guida” afferma Staffan Johannesson, Product Strategy Manager di Volvo Car Corporation, nel settore Alternative Fuels and Powertrains.

Staffan aggiunge: “Volvo Car Corporation ritiene di operare fin d’ora nel futuro con le proprie auto alimentate a biogas. Il biogas è una fonte di energia completamente rinnovabile e una pietra miliare lungo il cammino che ci porterà all’auto alimentata ad idrogeno. La crescente popolarità del biogas fra gli automobilisti è lo stimolo necessario all’ampliamento della rete distributiva da parte delle aziende petrolifere. Le Volvo Bi-Fuel sono sicuramente le auto più verdi oggi disponibili sul mercato”.

Volvo Car Corporation installa il suo motore Bi-Fuel da 2,4 litri sui modelli Volvo S80, V70 e S60 ad alimentazione doppia, metano e benzina. Il motore passa automaticamente a bruciare benzina quando i serbatoi del gas sono vuoti. Normalmente un pieno di metano consente un’autonomia di 250-300 km, mentre quello di benzina permette di percorrere ulteriori 350 km.

Una Volvo Bi-Fuel Volvo alimentata a biogas, una fonte energetica rinnovabile proveniente dalla decomposizione di materiale organico, abbatte le emissioni di gas dell’effetto serra quasi del 100%, mentre l’uso del metano naturale, di origine estrattiva, riduce questo effetto di circa il 25% rispetto alla benzina.

Il portavoce Volvo Staffan Johannesson continua: “Il costo del carburante per un’automobile che va a gas si riduce del 20-60% rispetto all’uso di benzina e del 20-40% rispetto all’uso di gasolio per i motori diesel. La Cina è il mercato automobilistico che cresce più rapidamente al mondo e una sua vasta conversione alla tecnologia Bi-Fuel fin da ora, significherebbe grandi vantaggi sia economici che ambientali”.

I guidatori europei delle auto Volvo Bi-Fuel usufruiscono di numerosi vantaggi grazie alla loro scelta ecologica, fra cui varie forme di sovvenzioni governative o tassi particolarmente vantaggiosi nelle rateazioni per l’acquisto, in paesi come il Regno Unito, la Germania e l’Italia. Alcuni Comuni in Svezia, ad esempio, offrono il parcheggio gratuito alle auto Bi-Fuel, mentre a Londra vengono esentate dalle tasse che si devono pagare per circolare in città.

Riconoscendo il ruolo di avanguardia svolto da Volvo nell’abbassare l’impatto ambientale dell’auto, un’organizzazione svedese che favorisce il consumo “verde”, la Gröna Bilister (Automobilisti verdi) ha attribuito alla Volvo S80 Bi-Fuel il primo posto nella classifica di auto ecologiche nella categorie grandi berline, sia nel 2003 che quest’anno.

 

Visitate il sito www.thenewsmarket.com/volvocars  per scaricare il video formato standard MPEG2 o per ordinare una nastro Beta SP. Il video e il nastro sono distribuiti gratuitamente ai giornalisti accreditati e ai redattori dei notiziari.

 


50240/DN

Keywords:
S80 (2007), Ambiente
I fatti e le descrizioni contenuti in questo materiale per la stampa si riferiscono alla gamma internazionale di autovetture prodotte da Volvo Cars. Le caratteristiche descritte possono essere optional. I prodotti Volvo in vendita sul mercato italiano possono variare in termini di specifiche e allestimenti rispetto a quanto illustrato sul sito.