Comunicati stampa

Una nuova Volvo al Salone di Ginevra di 25 anni fa: Stile italiano e tecnologia svedese

Una nuova Volvo al Salone di Ginevra di 25 anni fa:

Stile italiano e tecnologia svedese

 

Nel marzo del 1985, Volvo Car Corporation presentò il risultato di una delle numerose collaborazioni avviate fra Italia e Svezia nell'ambito dei prodotti di fascia alta: la Volvo 780, progettata e costruita da Bertone, a Torino. Il palcoscenico scelto per il debutto fu lo stand VOLVO al Salone dell'Auto di Ginevra.

 

Sin dai primi anni '60, l'alto di gamma di Volvo è stato caratterizzato da esclusive versioni coupé prodotte in serie limitata. Volvo aveva infatti capito sin da subito quanto fosse importante utilizzare tali vetture per espandersi verso nuovi segmenti di mercato e riuscire così ad attirare un maggior numero di clienti verso i modelli meno esclusivi della sua gamma.

 

Questa strategia si è rivelata vincente per la serie 1800, rimasta in produzione per quasi 13 anni con un totale di circa 48.000 unità vendute, e lo stesso può dirsi per la 262C, il modello top di gamma della serie 240/260.

 

La 262C, progettata e costruita in Italia dalla Carrozzeria Bertone, venne commercializzata nel 1977. Quando la generazione successiva di automobili Volvo, la serie 760/740, fu poi lanciata agli inizi degli anni '80, non ci volle molto prima che la Casa svedese decidesse di replicare la stessa strategia e facesse seguire alle due nuove berline/Station Wagon un modello coupé molto esclusivo.

 

Un modello completamente nuovo

Se la 262 si distingueva solo per qualche lieve modifica della scocca del modello di base, la 780 si presentava come una vettura completamente nuova, che non condivideva nessuno dei pannelli della carrozzeria delle versioni a quattro o cinque porte. Ancora una volta, dietro a questo modello si celava la maestrìa progettuale di Bertone, responsabile anche della produzione della vettura presso lo stabilimento di Torino. L'auto venne presentata per la prima volta al Salone dell'Auto di Ginevra nel marzo del 1985.

 

"Con la 780 siamo in grado di offrire ai clienti un'elegante vettura da turismo dalla linea distintiva, contraddistinta da dettagli e soluzioni esclusive e con una gamma di motorizzazioni unica che enfatizza il comfort", questo è il commento di Carleric Häggström, marketing manager di Volvo Car Corporation, che si legge nel comunicato stampa rilasciato in occasione del lancio della nuova vettura.

 

"Comfort" era il termine che meglio descriveva la 780, che non era un'auto sportiva bensì una vettura estremamente confortevole, dagli allestimenti lussuosi ed equipaggiata di tutti gli accessori e i dispositivi possibili, compresi nel prezzo.

 

Due volte più cara di una 760 GLE

L'ammiraglia vantava numerosi dispositivi regolabili elettricamente - sedili, finestrini, specchietti, tettuccio - oltre a montare un impianto di condizionamento dell'aria, ABS, un sistema self-leveling, il computer di bordo e un impianto stereo d'avanguardia. Si trattava indubbiamente di un modello piuttosto costoso che veniva venduto a 290.000 corone svedesi, ovvero al doppio del prezzo di una 760 GLE.

 

Tre le motorizzazioni disponibili: un'unità 2.8 V6, un quattro cilindri turbocompresso o il sei cilindri in linea turbo diesel allora utilizzato da Volvo. Nessuno di questi propulsori, tuttavia, riuscì a far raggiungere alla vettura la velocità massima di 200 km/h (125 mph), considerata un po' una soglia psicologica sulle autostrade tedesche. L'auto si distingueva però per esclusività, comfort e silenziosità. Volvo 780 era destinata principalmente agli Stati Uniti, al Giappone e a qualche mercato europeo, fra cui la Svezia.

 

Sebbene Volvo 780 sia rimasta in produzione fino al 1990 senza grandi modifiche alla linea esterna, dal punto di vista tecnico è sempre stata aggiornata, rimanendo al passo con la 760 e passando alle sospensioni posteriori indipendenti nel 1988. Col tempo l'auto è poi diventata un vero e proprio oggetto di culto, come spesso capita alle automobili esclusive. La Casa ne ha infatti realizzato soltanto 8.518 esemplari e oggi Volvo 780 è un pezzo da collezionisti, ricercatissimo dagli appassionati sia in Europa che negli USA.  

 

Per maggiori informazioni sulle Volvo classiche, visitare http://www.media.volvocars.com/ o www.volvocars.com/heritage oppure contattare Claes Rydholm +46 31 594526.

Keywords:
780, Saloni dell'Auto, Storia, 1985
I fatti e le descrizioni contenuti in questo materiale per la stampa si riferiscono alla gamma internazionale di autovetture prodotte da Volvo Cars. Le caratteristiche descritte possono essere optional. I prodotti Volvo in vendita sul mercato italiano possono variare in termini di specifiche e allestimenti rispetto a quanto illustrato sul sito.