Comunicati stampa

Presentato per la prima volta il modello Volvo C30 completamente elettrico

 

Assomiglia a una normale Volvo C30 ed offre lo stesso livello di sicurezza, comfort e spazio del modello standard. La differenza è che alimentata solamente ad energia elettrica, non produce emissioni di gas di scarico ed ha un'autonomia di 150 chilometri.

 

L'ambiziosa strategia sull'elettrificazione di Volvo Cars ha ottenuto risultati concreti in pochissimo tempo. Oltre all'introduzione sul mercato di un'auto ibrida plug-in a partire dal 2012, si sta attualmente valutando la possibilità di realizzare un'auto completamente alimentata ad energia elettrica nota come BEV (veicolo elettrico a batteria).

 

Nel 2009, è stato realizzato e collaudato un numero limitato di prototipi di Volvo C30 BEV presso gli stabilimenti Volvo. Oltre a concentrarsi sulle prestazioni e la sicurezza, gran parte dell'attenzione è stata rivolta all'integrazione del sistema di propulsione elettrica all'interno del veicolo.

 

"Volvo C30 è il primo modello dotato di alimentazione elettrica. Le eccezionali caratteristiche di quest'auto in mezzo al traffico e il peso ridotto la rendono particolarmente adatta alla sua funzione, partendo dal presupposto che le macchine elettriche verranno usate principalmente in città e nelle zone limitrofe e per gli spostamenti quotidiani", dice Lennart Stegland, Direttore della divisione Veicoli Speciali di Volvo Cars.

 

Soluzione tecnica

L'elettricità è una fonte di energia particolarmente adatta a una berlina. È l'efficienza energetica superiore del motore elettrico rispetto al motore a combustione che induce a credere che le auto elettriche diventeranno sempre più comuni in futuro man mano che i prezzi del carburante aumenteranno e i limiti delle emissioni di CO2 diverranno sempre più severi.

 

Volvo C30 BEV è alimentata con una batteria agli ioni di litio che si ricarica attraverso una normale presa elettrica domestica.

 

Per ricaricare completamente una batteria da una normale presa elettrica (220V, 16A), sono necessarie circa otto ore. Se l'auto viene caricata utilizzando energia elettrica rinnovabile, le emissioni - dalla produzione di energia elettrica fino all'uso su strada - saranno praticamente inesistenti.

 

Il motore elettrico è alloggiato sotto il cofano, proprio come il motore in una normale automobile. Una delle priorità del progetto BEV è trovare la sistemazione ottimale per la batteria.  Con molta probabilità le posizioni migliori sono il tunnel dell'albero di trasmissione e l'alloggiamento in cui generalmente si trova il serbatoio del carburante. Queste rappresentano le zone di assorbimento d'urto ottimizzate dell'auto nelle più comuni situazioni di collisione. Dato che l'auto funziona solo ad energia elettrica, è necessario utilizzare una batteria più grande con una capacità superiore (24 kWh) rispetto a un'ibrida plug-in (12 kWh).

 

Capacità della batteria

Volvo C30 BEV può raggiungere una velocità massima di 130 chilometri orari, velocità più che sufficiente per la maggior parte degli utenti di questo tipo di auto. Si impiegano meno di 11 secondi per passare da 0 a 100 chilometri orari. L'auto offrirà un'autonomia di 150 chilometri, superiore e di gran lunga migliore della distanza percorsa al giorno dal 90 percento di tutti gli automobilisti europei.

 

Gli stessi standard di sicurezza di sempre

Volvo Cars impone gli stessi standard elevati di sicurezza su tutti i suoi prodotti indipendentemente dal tipo di carburante o alimentazione usati. L'impegno di Volvo per la sicurezza si concentra sempre sull'essere umano e si basa su un solido know-how delle situazioni di traffico reali. Inoltre, esaurienti test interni vengono eseguiti sia a livello virtuale che nel laboratorio crash test altamente avanzato. Se Volvo sceglie di introdurre sul mercato un nuovo modello di auto completamente elettrica, questa sarà sicura come ogni altra vettura targata Volvo.

 

Volvo ha teoricamente individuato tutti i possibili scenari di sicurezza legati all'elettrificazione nelle fasi prima, durante e dopo una collisione. Dopo un attento studio di tali scenari, gli ingegneri della compagnia svilupperanno delle soluzioni per gestire tutte le situazioni rilevate e garantire così che ogni futura auto elettrica soddisfi i rinomati standard di sicurezza Volvo da ogni punto di vista.

 

Potenziale del mercato

La soluzione principale di Volvo Cars legata al settore dell'elettrificazione, per i prossimi decenni, sono le ibride plug-in. Ciò è vero soprattutto per i modelli più grandi della gamma. La combinazione di motore elettrico e motore a combustione è la soluzione che probabilmente offre il maggior potenziale sia dal punto di vista tecnico che commerciale. Le ibride plug-in offrono una grande autonomia, buone prestazioni dal punto di vista ambientale e allo stesso tempo una dipendenza limitata dalla tecnologia delle batterie costose.

 

Esistono diversi fattori in grado di determinare il tipo di successo che avranno queste auto elettriche speciali in futuro:

 

"Il cliente deve percepire che questo tipo di auto è un piacere sia da guidare sia da possedere.

Per far in modo che sia davvero così, riteniamo che le auto elettriche dovranno essere confortevoli e sicure ed offrire livelli di prestazioni simili alle auto con altri tipi di alimentazione. Ciò che stiamo imparando dal progetto C30 BEV ci aiuterà a soddisfare tutti questi criteri e a far scoprire la determinazione di Volvo a guidare lo sviluppo nel campo dell'elettrificazione", afferma Paul Gustavsson, Direttore dell'Electrification Strategy presso Volvo Cars.

Keywords:
Ambiente
I fatti e le descrizioni contenuti in questo materiale per la stampa si riferiscono alla gamma internazionale di autovetture prodotte da Volvo Cars. Le caratteristiche descritte possono essere optional. I prodotti Volvo in vendita sul mercato italiano possono variare in termini di specifiche e allestimenti rispetto a quanto illustrato sul sito.