Comunicati stampa

Volvo Cars pianifica l’avvio del test di guida autonoma più ampio e ambizioso del Regno Unito

 

Volvo Cars, produttore di automobili di lusso, sta pianificando per il prossimo anno l’avvio del test di guida autonoma più ampio e ambizioso del Regno Unito al fine di velocizzare l’introduzione di una tecnologia che promette una significativa riduzione degli incidenti stradali, oltre che di decongestionare le strade più trafficate e far risparmiare agli automobilisti tempo prezioso.  

 

La Casa Automobilistica svedese, il cui nome è sinonimo di sicurezza automobilistica sin da quando inventò la cintura di sicurezza a tre punti nel lontano 1959, sta svolgendo un ruolo pionieristico nello sviluppo e nella diffusione dei sistemi di guida autonoma a livello globale, facendolo rientrare nell’ambito di un progetto più ampio che punta all’azzeramento entro il 2020 del numero di persone rimaste uccise o gravemente ferite a seguito di incidente stradale a bordo di una nuova Volvo.

 

“La guida autonoma rappresenta un enorme passo avanti nell’ambito della sicurezza automobilistica,” ha dichiarato Håkan Samuelsson, Presidente e CEO. “Prima si riuscirà a portare sulle strade le vetture con guida autonoma, prima si potrà iniziare a salvare vite umane.”

 

Håkan Samuelsson esprimerà le sue opinioni sull’argomento in occasione di un seminario sponsorizzato da Volvo e Thatcham, società di ricerca in ambito assicurativo, dal titolo ‘Un futuro con le automobili con guida autonoma – le implicazioni per il settore assicurativo’, che si terrà presso l’America Conference Centre di Londra il prossimo 3 maggio.

Il test organizzato da Volvo nel Regno Unito avrà il nome di ‘Drive Me London’ e si distinguerà dagli altri programmi di guida autonoma esistenti perché coinvolgerà normali famiglie nella guida di vetture con tecnologia di guida autonoma sulle strade della rete pubblica.

 

Volvo raccoglierà i dati prodotti da questi utilizzatori quotidiani della nuova tecnologia e li userà per sviluppare vetture con guida autonoma adatte alle condizioni di guida del mondo reale piuttosto che alle condizioni non realistiche che caratterizzano le prove sui circuiti di collaudo. Thatcham Research fornirà l’analisi dei dati tecnici e gli eventuali piloti professionisti che dovranno essere necessariamente coinvolti nel test.

 

L’iniziativa Drive Me London sarà avviata all’inizio del 2017 con un numero limitato di vetture con guida semi-autonoma e proseguirà nel 2018 in versione ampliata, coinvolgendo fino a 100 auto con guida autonoma e diventando così il programma di test di questa tecnologia di guida più ampio ed esteso mai condotto sulle strade britanniche.

 

L’introduzione dei veicoli con guida autonoma promette di rivoluzionare le strade britanniche sotto quattro punti di vista: sicurezza, congestione del traffico, inquinamento e risparmio di tempo.

 

Ricerche condotte da enti indipendenti hanno dimostrato che la guida autonoma ha il potenziale di ridurre in modo significativo il numero di incidenti stradali, in alcuni casi fino al 30%. Fino al 90% di tutti gli incidenti stradali sono attualmente riconducibili a un errore o alla distrazione dell’automobilista, fattori che dovrebbero ridursi drasticamente grazie all’impiego di vetture con guida autonoma.

 

“I produttori di veicoli prevedono che le auto ad elevato contenuto di autonomia nella guida, in grado quindi di escludere completamente il conducente dalla guida effettiva per alcuni tratti del percorso, saranno disponibili più o meno dal 2021  in poi. Indubbiamente verrà ridotta drasticamente anche la frequenza degli incidenti.  Questo effetto lo abbiamo già riscontrato con l’introduzione del sistema di Frenata Autonoma d’Emergenza (AEB)  su molte nuove vetture. Le ricerche condotte negli Stati Uniti dall’ente NHTSA  pronosticano che entro il 2035, proprio grazie alla maggiore diffusione di automobili con guida autonoma e connesse alla Rete, gli incidenti verranno ridotti dell’80%. Inoltre, nel caso in cui  l’incidente non si possa proprio evitare, la velocità d’impatto verrà comunque ridotta grazie alle prestazioni del sistema, contenendo così la gravità dell’incidente,” ha commentato Peter Shaw, CEO di Thatcham Research.

 

“Le auto che guidano da sole renderanno i nostri viaggi o i nostri spostamenti in auto più veloci, meno inquinanti e più sicuri. Il Regno Unito sta guidando lo sviluppo della tecnologia necessaria a rendere tutto questo una realtà grazie all’altissima qualità della nostra ricerca e questo genere di progetti sperimentali diventeranno sempre più comuni”, ha affermato Sajid Javid, Segretario di Stato del governo inglese per lo Sviluppo Economico e l’Innovazione. “Tali avanzamenti tecnologici dimostrano che la quarta rivoluzione industriale è dietro l’angolo ed è proprio perché siamo determinati a essere in prima linea che chiamiamo eccellenze da tutto il mondo per poter effettuare questo genere di sperimentazione”.

 

Per quanto riguarda la congestione stradale, i veicoli con guida autonoma consentiranno una maggiore fluidità del traffico, riducendo così gli ingorghi e di conseguenza le emissioni dannose e l’inquinamento ad esse associato. Da ultimo, una minore congestione del traffico consentirà agli automobilisti di risparmiare tempo prezioso.

 

“I vantaggi delle vetture con guida autonoma sono molteplici,” ha spiegato Samuelsson. “E’ per questo che i governi di tutto il mondo devono creare il quadro legislativo e l’infrastruttura necessari a consentire la libera circolazione di questi veicoli entro il più breve tempo possibile. L’industria automobilistica non può fare tutto da sola. E’ importante che i governi diano il loro contributo.”

 

-------------------------------

 

Volvo Car Group nel 2015

Nell’anno finanziario 2015 Volvo Car Group ha registrato un utile operativo di 6,6 miliardi di SEK (erano stati 2,1 miliardi nel 2014). Il fatturato nello stesso periodo è salito a 164 miliardi di SEK (137,5 miliardi di SEK nel 2014). Sull’intero anno le vendite globali hanno raggiunto la cifra record di 503.127 auto con un incremento pari all’8 percento rispetto al 2014. I record nelle vendite e l’ammontare dell’utile operativo permettono a Volvo Car Group di continuare a investire nel piano di trasformazione globale intrapreso.

 

Volvo Car Group in cifre

Volvo ha iniziato la propria attività produttiva nel 1927. Oggi Volvo Cars è uno dei marchi più conosciuti e rispettati al mondo con vendite pari a 503.127 unità nel 2015, ottenute in circa 100 Paesi. Dal 2010 Volvo Cars è di proprietà della cinese Zhejiang Geely Holding (Geely Holding). In precedenza, era stata parte dello svedese Volvo Group fino al 1999, anno in cui l’Azienda fu rilevata dalla statunitense Ford Motor Company. Nel 2010, dunque, l’acquisizione da parte di Geely Holding.

 

Nel dicembre 2015, Volvo Cars contava circa 29.000 dipendenti in tutto il mondo. La sede centrale, le attività di sviluppo del prodotto e di marketing e le funzioni amministrative di Volvo Cars sono ubicate prevalentemente a Goteborg, in Svezia. La sede di Volvo Cars in Cina si trova a Shanghai. I principali stabilimenti di produzione automobilistica della società sono a Goteborg (Svezia), Ghent (Belgio) e Chengdu (Cina), mentre i motori vengono costruiti a Skövde (Svezia) e Zhangjiakou (Cina) e i componenti della carrozzeria a Olofström (Svezia).

Keywords:
Sicurezza, Ambiente, Tecnologia, Sostenibilità
I fatti e le descrizioni contenuti in questo materiale per la stampa si riferiscono alla gamma internazionale di autovetture prodotte da Volvo Cars. Le caratteristiche descritte possono essere optional. I prodotti Volvo in vendita sul mercato italiano possono variare in termini di specifiche e allestimenti rispetto a quanto illustrato sul sito.
Contattateci