Comunicati stampa

Volvo Cars lancia un appello all’industria automobilistica per la standardizzazione della ricarica delle auto elettriche

 

Stando alle affermazioni di Peter Mertens, Senior Vice President Ricerca & Sviluppo di Volvo Car Group, la Casa svedese ritiene che l’industria automobilistica globale debba battersi per l’introduzione di una infrastruttura standardizzata per la ricarica delle automobili elettriche.   

 

Per sostenere questa campagna in favore di uno standard globale per la ricarica delle auto elettriche, Volvo Cars ha deciso di appoggiare la Charging Interface Initiative, un consorzio di stakeholder che è stato fondato allo scopo di affermare il Sistema di Ricarica Combinato (CCS - Combined Charging System) sviluppato da questi ultimi come potenziale standard per la ricarica dei veicoli alimentati a batterie.

 

Volvo Cars è una delle principali Case costruttrici di automobili ibride con sistema plug-in e si propone di offrire una variante ibrida plug-in per ciascun nuovo modello introdotto nell’ambito del suo piano di rinnovamento dell’intero portafoglio di prodotti nei prossimi anni. La Casa svedese introdurrà un veicolo completamente elettrico nel 2019, basato sulla sua architettura di prodotto modulare SPA.

 

Al fine di consolidare la crescente popolarità dei veicoli elettrici e garantire la piena accettazione della tecnologia da parte dei clienti, Peter Mertens sostiene che è necessaria un’infrastruttura di ricarica semplice, standardizzata, rapida e con estensione globale.

 

“Ci rendiamo conto che il passaggio alle automobili completamente elettriche è già in corso ed è reso possibile dai progressi fatti nella tecnologia delle batterie, dalla riduzione dei costi e dalla graduale realizzazione di un’infrastruttura di ricarica,” ha spiegato Peter Mertens. “Tuttavia, sebbene siamo pronti dal punto di vista tecnologico, l’infrastruttura non è ancora sufficiente. Per far sì che l’ansia legata all’autonomia di percorrenza venga superata, serve sviluppare con urgenza un sistema di ricarica standardizzato a livello globale.”

 

Il sistema CCS, in grado di offrire opzioni di ricarica sia normale sia rapida, fa sì che l’auto elettrica diventi un’opzione sempre più pratica e comoda soprattutto nei contesti urbani, che si rivelano ideali per l’uso dei veicoli elettrici.

 

Il sistema abbina la ricarica mono-fase a quella rapida trifase, utilizzando corrente alternata a max. 43 kW oltre che la ricarica a corrente continua a max. 200 kW, con la possibilità di arrivare fino a 350 kW in futuro – e tutto all’interno di una singola unità.

 

La Charging Interface Initiative è attualmente impegnata nella definizione dei requisiti per l’elaborazione degli standard relativi alla ricarica e del certificato d’uso da parte delle Case automobilistiche di tutto il mondo.

 

“Siamo lieti di sostenere questa causa e di essere coinvolti nella definizione degli standard per i sistemi di ricarica dei veicoli elettrici. La mancanza di uno standard in quest’area rappresenta uno dei principali ostacoli all’aumento della quota di mercato dei veicoli elettrici,” ha puntualizzato Mertens.

 

Volvo Cars, che vanta un’esperienza di oltre 40 anni nella ricerca e nello sviluppo di veicoli elettrici, è una delle Case automobilistiche leader nel segmento delle vetture ibride plug-in grazie alla sua tecnologia Twin Engine. Già oggi, una Volvo XC90 su cinque è venduta con propulsore ibrido plug-in T8 Twin Engine.

 

“La nostra tecnologia Twin Engine garantisce le basse emissioni, la silenziosità, la comodità e le prestazioni tipiche di un’auto esclusivamente elettrica, abbinate all’autonomia di percorrenza di un motore convenzionale. Offre già oggi i vantaggi dell’elettrificazione,” ha aggiunto Mertens.

 

Note per Ia redazione:

Informazioni su Charging Interface Initiative e.V.

La tecnologia Twin Engine di Volvo Cars

-------------------------------

 

Volvo Car Group nel 2015

Nell’anno finanziario 2015 Volvo Car Group ha registrato un utile operativo di 6,6 miliardi di SEK (erano stati 2,1 miliardi nel 2014). Il fatturato nello stesso periodo è salito a 164 miliardi di SEK (137,5 miliardi di SEK nel 2014). Sull’intero anno le vendite globali hanno raggiunto la cifra record di 503.127 auto con un incremento pari all’8 percento rispetto al 2014. I record nelle vendite e l’ammontare dell’utile operativo permettono a Volvo Car Group di continuare a investire nel piano di trasformazione globale intrapreso.

 

Volvo Car Group in cifre

Volvo ha iniziato la propria attività produttiva nel 1927. Oggi Volvo Cars è uno dei marchi più conosciuti e rispettati al mondo con vendite pari a 503.127 unità nel 2015, ottenute in circa 100 Paesi. Dal 2010 Volvo Cars è di proprietà della cinese Zhejiang Geely Holding (Geely Holding). In precedenza, era stata parte dello svedese Volvo Group fino al 1999, anno in cui l’Azienda fu rilevata dalla statunitense Ford Motor Company. Nel 2010, dunque, l’acquisizione da parte di Geely Holding.

 

Nel dicembre 2015, Volvo Cars contava circa 29.000 dipendenti in tutto il mondo. La sede centrale, le attività di sviluppo del prodotto e di marketing e le funzioni amministrative di Volvo Cars sono ubicate prevalentemente a Goteborg, in Svezia. La sede di Volvo Cars in Cina si trova a Shanghai. I principali stabilimenti di produzione automobilistica della società sono a Goteborg (Svezia), Ghent (Belgio) e Chengdu (Cina), mentre i motori vengono costruiti a Skövde (Svezia) e Zhangjiakou (Cina) e i componenti della carrozzeria a Olofström (Svezia).

Keywords:
Ambiente, Tecnologia, Aziendale, Sostenibilità
I fatti e le descrizioni contenuti in questo materiale per la stampa si riferiscono alla gamma internazionale di autovetture prodotte da Volvo Cars. Le caratteristiche descritte possono essere optional. I prodotti Volvo in vendita sul mercato italiano possono variare in termini di specifiche e allestimenti rispetto a quanto illustrato sul sito.
Contattateci