Comunicati stampa

Il sistema WHIPS di Volvo Cars per la protezione contro i colpi di frusta festeggia i suoi 10 anni

 

 

Il colpo di frusta al collo è la lesione più diffusa fra quelle dovute agli incidenti automobilistici. Volvo Cars è stata fra i primi costruttori automobilistici a introdurre una protezione volta a ridurre il rischio di colpo di frusta. Il sistema Volvo WHIPS, particolarmente efficace in quanto riduce della metà il rischio di conseguenze a lungo termine, festeggia ora il decimo anniversario della sua entrata in servizio.

 

"Il modello S80 è stato la prima vettura Volvo dotata del sistema WHIPS", racconta Lotta Jakobsson, esperta di sicurezza e membro del team di sviluppo di tale sistema presso Volvo Cars. Si era allora nel 1998 e nel 2000 il sistema WHIPS veniva ormai installato di serie sui sedili anteriori di tutti i modelli Volvo.
"Nel tempo, il sistema è stato oggetto di un affinamento e di uno sviluppo continui, e quest'anno festeggiamo il suo decimo compleanno", spiega Lotta Jakobsson.

 

In caso di tamponamento, sul collo, già di per sé vulnerabile, può esercitarsi una forza enorme. Il corpo viene spinto in avanti, e se la testa non accelera con esso il collo può venire sottoposto a uno stiramento eccessivo. Fra i sintomi che ne conseguono figurano dolori dalla zona cervicale, cefalee e rigidità dei muscoli del collo. Tali sintomi scompaiono di solito dopo qualche settimana, ma in alcuni casi possono protrarsi a lungo.
"Una protezione adeguata contro i colpi di frusta deve ridurre il movimento del capo rispetto al busto. I movimenti relativi fra le varie parti del corpo devono essere il più possibile contenuti. Il nostro sistema di protezione WHIPS, unico nel suo genere, è quindi stato progettato per distribuire le forze esercitate su tutta la schiena e sul capo, nonché per smorzare il percorso di tali forze spostandosi con il corpo", spiega Lotta Jakobsson.


"Lo schienale accompagna il movimento all'indietro del corpo e si inclina in una certa misura rispetto alla seduta. Tale soluzione riduce la forza esercitata sulla schiena e sul collo. Il poggiatesta delle vetture Volvo è inoltre progettato contro i colpi di frusta, essendo collocato in modo da rimanere vicino alla testa e risalire oltre la stessa, offrendo al capo un supporto eccellente".
"Il sistema WHIPS si è dimostrato molto efficace per la protezione contro i tamponamenti", prosegue Lotta Jakobsson.
"Le nostre indagini indicano una riduzione della metà del rischio di dolori a lungo termine a seguito di un impatto posteriore, e vari studi esterni forniscono risultati simili".

 

Decenni di sviluppo
Il gruppo di ricerca Volvo sugli incidenti analizza fin dai primi anni '70 gli incidenti stradali reali, per migliorare la definizione dei dispositivi di sicurezza di bordo. Gli esperti si sono ben presto resi conto del fatto che le lesioni al collo erano una conseguenza diffusa dei tamponamenti.

Venne quindi avviata un'attività di sviluppo di una soluzione tecnica per la protezione degli occupanti delle vetture contro i problemi da colpo di frusta. Da tale attività derivò un robusto poggiatesta disposto in alto, a contatto con il capo. Le vetture Volvo sono dotate di poggiatesta di serie per i sedili anteriori fin dagli anni '70.


Negli anni '80 e '90 vennero svolti vari studi e analisi di incidenti in collaborazione con esperti del settore medico, per stabilire in quale modo una vettura potesse fornire una migliore protezione per il collo in caso di tamponamento da tergo.
"Nei primi anni '90 sviluppammo un modello computerizzato del corpo umano, a quel tempo unico nel suo genere, con l'ausilio del quale fummo in grado, avvalendoci anche della nostra conoscenza degli incidenti reali, di studiare l'effetto dei vari parametri dei sedili sulle modalità di movimento della schiena. Il sistema WHIPS venne sviluppato sulla base dei risultati di tali ricerche", spiega ancora Lotta Jakobsson.

 

Speciali manichini per le prove di collisione forniscono un prezioso aiuto ai ricercatori
Lotta Jakobsson racconta inoltre che Volvo Cars è stata fra le prime aziende a sostenere lo sviluppo di BioRID, il primissimo manichino per le prove di collisione posteriore.
Tale manichino riproduce con esattezza i movimenti del corpo umano in caso di tamponamento, consentendo di misurare le forze esercitate sul collo e di stimare la probabilità del rischio di lesioni.


Il manichino BioRID venne sviluppato alla fine degli anni '90 dall'industria automobilistica svedese e dalla Chalmers University of Technology. Si tratta di un manichino unico nel suo genere, divenuto ormai un'apparecchiatura standard in tutto il settore, e riprodotto in quasi 100 esemplari.
"Il nostro manichino per le prove di collisione ha esercitato un'influenza enorme sulle attività di sviluppo, in quanto consente di eseguire prove di impatto molto realistiche", spiega Lotta Jakobsson, responsabile del progetto di sviluppo di BioRID.
"Il settore assicurativo lo utilizza ormai da cinque anni per la valutazione dei sedili e di recente anche EuroNCAP ha iniziato a servirsene nell'ambito del suo sistema di valutazione della protezione offerta dai sedili contro le lesioni da colpo di frusta".

 

Sono molto efficaci anche i sistemi di sicurezza preventiva
"Le collisioni da tergo a bassa velocità sono molto comuni. Le statistiche indicano che oltre il 75 percento degli incidenti denunciati avviene a velocità inferiori a 30 km orari e che in più del 50 percento di tali incidenti la vettura che tampona non frena affatto prima di colpire il veicolo che la precede. In quest'area esiste quindi un immenso potenziale di miglioramento", afferma Lotta Jakobsson.


"Se riuscissimo ad aiutare il conducente a frenare quando è distratto, potremmo risparmiare molte lesioni al collo. Nel suo ultimo modello di vettura, la XC60, Volvo offre di serie il sistema City Safety. Se l'auto sta per urtare il veicolo che la precede e il conducente non reagisce per tempo, la vettura frena automaticamente. Il sistema è attivo a velocità inferiori a 30 km orari, ma il nostro obiettivo ultimo consiste nello sviluppo di vetture totalmente esenti da collisioni. Fino a quando tale visione non si concretizzerà, Volvo sarà tuttavia orgogliosa di poter offrire sistemi di protezione contro le lesioni da colpo di frusta", conclude Lotta Jakobsson.

Keywords:
Sicurezza, Tecnologia, Storia
I fatti e le descrizioni contenuti in questo materiale per la stampa si riferiscono alla gamma internazionale di autovetture prodotte da Volvo Cars. Le caratteristiche descritte possono essere optional. I prodotti Volvo in vendita sul mercato italiano possono variare in termini di specifiche e allestimenti rispetto a quanto illustrato sul sito.

For information on how Volvo Cars process your personal data in relation to Volvo Cars Global Newsroom click here.

La Newsroom di Volvo Cars utilizza i cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente all'interno di questo sito Web. I cookie del sito non registrano i dati personali. Per maggiori informazioni, si rimanda alla nostra Pagina dedicata alla Policy per l'utilizzo dei cookie.

Accetto