Comunicati stampa

L'innovativa tecnologia Volvo aiuta gli automobilisti ad evitare incidenti con i pedoni

 

L'innovativa tecnologia Volvo aiuta gli automobilisti ad evitare incidenti con i pedoni

 

Volvo Cars sta attualmente introducendo la nuova generazione di sistemi tecnologici di sicurezza preventiva.

Il Collision Warning con Full Auto Brake e rilevamento dei pedoni interviene quando un pedone appare dinnanzi all'automobile e attiva tutta la potenza frenante della vettura se il conducente non reagisce al pericolo.

Questa innovazione sta per essere presentata su Volvo S60 Concept, che verrà mostrata per la prima volta al Motor Show di Detroit all'inizio di Gennaio del 2009.

 

Questa innovazione per la sicurezza rappresenta il prossimo passo del costante sviluppo delle tecnologie Volvo Cars in grado di rilevare le situazioni di pericolo ed aiutare attivamente il conducente ad evitare un incidente.

"Le fasi precedenti erano state ideate per aiutare il conducente ad evitare collisioni con altri veicoli. Ora stiamo facendo un grosso passo avanti con una caratteristica che aumenta notevolmente anche la sicurezza per gli utenti della strada più esposti al rischio. In più, stiamo passando dal cinquanta al cento percento nella potenza di frenata automatica. Per quanto conosciamo, nessuno dei nostri concorrenti ha progredito altrettanto in quest'area", spiega Thomas Broberg, esperto di sicurezza presso Volvo Cars. Che aggiunge:

"Questa tecnologia ci aiuta a fare un importante passo avanti verso il nostro obiettivo a lungo termine: progettare auto che possano evitare gli incidenti. Il nostro scopo per il 2020 è che nessuno rimanga ferito o ucciso a bordo di un'auto Volvo".

 

Incidenti che coinvolgono i pedoni: frequenti nel traffico cittadino

Nella UE, nel numero complessivo di vittime di incidenti stradali, i pedoni rappresentano tra il 10 e il 25 percento, a seconda del Paese a cui si fa riferimento.

Nelle capitali dell'Unione Europea, nel 2007 sono decedute 1.560 persone in incidenti stradali. Di queste, il 43 percento erano pedoni.

La velocità dell'auto coinvolta in una collisione con un pedone è di notevole importanza per quanto riguarda l'esito dell'incidente stesso. Diminuendo la velocità si potrebbe ridurre significativamente il rischio di ferite gravi a danno del pedone. Se la velocità passa da 50 a 30 km/h, le possibilità di sopravvivenza del pedone aumentano in modo significativo.

 

Evita le collisioni a velocità inferiori a 20 km/h

"Il nostro scopo è che questa nuova tecnologia aiuti il conducente ad evitare le collisioni con i pedoni a velocità inferiori a 20 km/h. Se l'auto procede a velocità più sostenute, lo scopo è quello di ridurre il più possibile la velocità di impatto. Nella maggior parte dei casi è possibile diminuire la forza di collisione di circa il 75 percento", spiega Thomas Broberg.

Questa tecnologia è inoltre estremamente utile in caso di tamponamento con altri veicoli. Alcuni studi indicano che la metà di tutti i conducenti che tamponano un'altra vettura non frenano affatto prima dell'impatto.

Lo scopo principale è che l'avviso iniziale sia comunque sufficiente per far sì che il conducente freni o si scosti dal pericolo. La frenata automatica è una misura di emergenza che viene attivata solo quando la collisione è imminente.

In questi casi, il Collision Warning con Full Auto Brake è in grado di aiutare ad evitare del tutto la collisione se la differenza di velocità relativa tra i due veicoli è inferiore a 25 km/h.

 

Un rilevamento più sicuro grazie alla tecnologia più innovativa

Il Collision Warning con Full Auto Brake e rilevamento dei pedoni consiste in una nuova unità radar bimodale innovativa, integrata nella griglia dell'auto, in una telecamera all'interno dello specchietto retrovisore ed in una unità di controllo centrale.

Il radar e la telecamera controllano continuamente la strada davanti alla vettura. Il compito del radar è quello di rilevare gli oggetti e misurarne la distanza. La funzione della telecamera è quella di stabilire di quale tipo di oggetto si tratti.

La funzione è programmata in modo da reagire alle auto davanti alla vettura, siano esse ferme o in movimento nella stessa direzione.

Grazie all'innovativo radar, il quale ha un campo visivo ampliato, l'unità è inoltre in grado di rilevare il movimento tipico di un pedone.

"Lavoriamo a questa tecnologia ormai da dieci anni. Abbiamo collaudato le auto sulla strada per molti anni e le abbiamo provate in numerosi Paesi. Nella progettazione del sistema definitivo devono essere considerati fattori come gli scenari di traffico, le condizioni delle strade e il clima. Possiamo anche utilizzare le informazioni provenienti da questi test per realizzare avanzate simulazioni al computer, per testare e verificare il sistema in diversi scenari", afferma Thomas Broberg.

 

 

La nuova tecnologia consente l'uso di tutta la potenza frenante

In una situazione di emergenza, il conducente prima sente un segnale sonoro, che accompagna una luce a intermittenza sul display proiettato sul parabrezza (head up display). Per stimolare una reazione immediata ed intuitiva il segnale visivo è stato progettato per somigliare ad una luce di frenata che compare di fronte al veicolo. Se il conducente non reagisce all'avviso ed il sistema valuta che vi è la possibilità di una collisione, viene applicata tutta la potenza frenante dell'auto.

"L'attivazione vera e propria dei freni presuppone che l'oggetto venga confermato sia dal radar sia dalla telecamera. Grazie agli avanzati sensori, è ora possibile utilizzare tutta la potenza frenante. Siamo tra i primi ad ottenere questo risultato nel nostro settore", spiega Thomas Broberg.

Il sistema è costruito secondo gli stessi principi dell'occhio umano e, come accade per il nostro apparato visivo, il maltempo e il buio possono rappresentare un inconveniente.

 

 

Adaptive Cruise Control migliorato

L'Adaptive Cruise Control (ACC) di Volvo Cars è stato ora migliorato con una funzione di aiuto in caso di coda.

L'Adaptive Cruise Control basato su radar mantiene il divario temporale impostato rispetto al veicolo che precede persino a velocità ridottissime, fino alla posizione ferma. La precedente versione non si attivava a velocità inferiori a 30 km/h: ciò significa che questo sistema, in grado di aumentare il comfort di chi guida, ora può essere utilizzato anche in caso di code lente, caratterizzate da frequenti fermate e ripartenze.

Va sottolineato che l'ACC migliorato è stato sviluppato per consentire di guidare in modo comodo con un cambio automatico, in condizioni normali.

Il Collision Warning con Full Auto Brake e rilevamento dei pedoni e l'Adaptive Cruise Control saranno introdotti sulla nuovissima Volvo S60 nel 2010.

Keywords:
Volvo S60 Concept, Sicurezza, Tecnologia, Prototipi
I fatti e le descrizioni contenuti in questo materiale per la stampa si riferiscono alla gamma internazionale di autovetture prodotte da Volvo Cars. Le caratteristiche descritte possono essere optional. I prodotti Volvo in vendita sul mercato italiano possono variare in termini di specifiche e allestimenti rispetto a quanto illustrato sul sito.

For information on how Volvo Cars process your personal data in relation to Volvo Cars Global Newsroom click here.

La Newsroom di Volvo Cars utilizza i cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente all'interno di questo sito Web. I cookie del sito non registrano i dati personali. Per maggiori informazioni, si rimanda alla nostra Pagina dedicata alla Policy per l'utilizzo dei cookie.

Accetto