Comunicati stampa

Novità Assolute Da Volvo - Sistemi BLIS e ACC: Elettronica Al Servizio Della Sicurezza

Novità Assolute Da Volvo - Sistemi BLIS e ACC: Elettronica Al Servizio Della Sicurezza

 

Monitoraggio degli angoli ciechi, cruise control adattivo per controllare la distanza e frenata automatica: con queste novità assolute nell'industria automobilistica, Volvo ribadisce la propria leadership sul fronte della sicurezza automobilistica.

 

L'utilizzo intelligente di tecnologie avanzate si prefigge lo scopo di aumentare ulteriormente il livello di sicurezza (attiva e passiva) delle automobili Volvo, già ai vertici del panorama automobilistico.

 

E' il caso di tre anteprime mondiali recentemente mostrate da Volvo Cars:

  • BLIS - Blind Spot Information System. Sistema per il monitoraggio degli angoli ciechi della visuale, tramite telecamere. Per la prima volta installato su un'automobile.

  • ACC - Adaptive Cruise Control. Cruise control adattivo con dispositivo per il monitoraggio della distanza.

  • Avvertimento del rischio di collisioni e supporto alla frenata.

 

Tutti i sistemi in questione saranno introdotti gradualmente nella produzione di serie di Volvo. Nel caso del BLIS, addirittura già a partire dal 2004.

 

BLIS - Blind Spot Information System

Il sistema BLIS scrive una pagina nuova nella sicurezza dell'automobile.

 

A dispetto delle ampie superfici vetrate delle auto moderne e dell'efficacia degli specchietti retrovisori, rimangono angoli ciechi a limitare la visuale. Un inconveniente che può causare incidenti, soprattutto quando si cambia corsia.

 

Per aumentare la sicurezza in simili circostanze, Volvo Cars fu la prima Casa automobilistica a fornire di grandangolo lo specchio retrovisore laterale del conducente, già nel 1979.

 

La sofisticata tecnologia disponibile oggi consente un enorme passo in avanti: il dispositivo BLIS, vale a dire un sistema di monitoraggio a telecamera che sorveglia i veicoli che si avvicinano da dietro affiancandosi all'auto in marcia.

 

Quando un altro veicolo entra nell'area monitorata, si accende una spia posta in alto, vicino allo specchio retrovisore centrale. Il guidatore viene quindi avvertito chiaramente che un altro veicolo sta sopraggiungendo da dietro e può quindi tenersi a debita distanza. Il sistema non rileva solo i veicoli provenienti da dietro ma anche quelli sorpassati dal proprio. Queste informazioni aiutano il guidatore a prendere le decisioni corrette in tali situazioni. Entrambi i lati dell'auto sono monitorati nello stesso modo.

 

Su ciascuno degli specchietti retrovisori laterali è installata una telecamera digitale che riprende 25 immagini al secondo. Confrontandole fra loro, il sistema avverte se un veicolo si sta avvicinando nella zona monitorata, che è lunga 9,5 metri e larga 3 metri.

 

Il BLIS è programmato per rilevare automobili e motociclette, sia di giorno sia di notte, e tarato per non reagire a vetture parcheggiate, guardrail, barriere fisse, lampioni, ecc.

 

Il sistema è attivo a tutte le velocità superiori ai 10 km/h ed è stato programmato per avvertire la presenza di veicoli che si muovano con differenze di velocità fino a 20 km/h in meno o 70 km/h in più. 

 

ACC - Adaptive Cruise Control

La generazione attuale di Cruise Control può contribuire a rendere più sicuro e rilassante un viaggio in autostrada, in condizioni favorevoli. Ma il ritmo del traffico spesso non permette di utilizzare questo dispositivo.

 

Per aiutare a rendere la guida più rilassante anche con traffico di intensità variabile e la presenza di code in autostrada, Volvo Cars ha realizzato il sistema ACC - Adaptive Cruise Control, un cruise control adattivo che misura costantemente la distanza dal veicolo che precede, regolando automaticamente la velocità per mantenere la distanza di sicurezza.

 

Il guidatore attiva il Cruise control adattivo impostando la velocità massima e l'intervallo minimo di tempo verso il veicolo che precede. Tale intervallo varia da 1 a 3 secondi. Un intervallo di 2 secondi, ad esempio, corrisponde ad una distanza di sicurezza di 56 metri, quando si procede a 100 km/h. La distanza varia con la velocità, ed è circa di 39 metri a 70 km/h.

 

Il sistema considera la presenza di un veicolo che ha sorpassato il proprio e si immette in coda, modificando quindi la distanza di sicurezza precedente. In un'auto con cambio automatico, il Cruise control adattivo può mantenersi sincronizzato con il ritmo del traffico fino a quando l'auto deve fermarsi.

 

Il sistema prevede un sensore radar nel frontale dell'auto, che misura costantemente la distanza con il veicolo che precede. Il sistema mantiene inoltre un intervallo di tempo costante rispetto al veicolo che precede, regolando in tempo reale l'accelerazione del motore e, se necessario, attivando i freni.

 

Si tratta di un dispositivo pensato innanzitutto per aumentare il comfort di guida. La funzione frenante fornisce una frenata di potenza limitata per evitare il rischio di un avanzamento a "strappi".

 

Sistema di supporto della frenata e attivazione automatica dei freni

I tamponamenti da dietro e contro veicoli fermi sono sempre più frequenti nel traffico odierno. La maggior parte di questi incidenti è causata dal fatto che il guidatore si distrae e non  reagisce in tempo.

 

Volvo Cars ha ora sviluppato un avanzato sistema che aiuta ad evitare questo tipo di incidenti o almeno a ridurne le conseguenze.

 

Il sistema si attiva in vari modi a seconda della dinamica delle vetture coinvolte:

  • se l'auto si avvicina a un ostacolo fisso o mobile e il guidatore non reagisce in tempo si accende una spia luminosa sul parabrezza. Al contempo si attiva un cicalino. In certe situazioni ciò è sufficiente a far reagire il guidatore ed evitare un incidente

  • se il guidatore preme il pedale del freno, il sistema controlla la pressione applicata sul pedale. Nel caso quest'ultima risultasse insufficiente a fermare l'auto in tempo, il sistema entra in azione e aumenta l'intensità della frenata. Se la velocità non è eccessiva, questo provvedimento può evitare un incidente

  • se il guidatore non reagisce affatto, viene attivata la funzione di frenata automatica, che tenta di arrestare la vettura. Se non è possibile evitare la collisione, il sistema provvede quantomeno a limitarne i danni

 

Da un punto di vista puramente tecnico, il sistema si potrebbe programmare per attivare la frenata prima e più a fondo, con lo scopo di evitare il più possibile l'incidente. Questo però potrebbe avere conseguenze negative in situazioni nelle quali il guidatore potrebbe cavarsela da sé. Inoltre si potrebbero evitare molte frenate inutili in caso di traffico intenso.

 

Il sistema dispone di un radar nella parte anteriore dell'auto che sorveglia costantemente l'area antistante alla vettura. Se la distanza con il veicolo che precede si riduce rapidamente si attivano spia e cicalino. La spia viene proiettata sul parabrezza sotto forma di un fila di diodi luminosi.

 

Con il sistema di supporto alla frenata, si attiva anche l'esistente sistema EBA (Emergency Brake Assistance), ma con maggiore anticipo rispetto al normale.

 

La funzione di frenata completamente automatica si attiva anche senza che il guidatore abbia premuto il pedale del freno. Per questa funzione il radar è dotato di telecamera frontale. La telecamera copre un settore più ampio del radar e aiuta a definire il tipo di ostacolo incontrato.

Keywords:
Sicurezza
I fatti e le descrizioni contenuti in questo materiale per la stampa si riferiscono alla gamma internazionale di autovetture prodotte da Volvo Cars. Le caratteristiche descritte possono essere optional. I prodotti Volvo in vendita sul mercato italiano possono variare in termini di specifiche e allestimenti rispetto a quanto illustrato sul sito.

For information on how Volvo Cars process your personal data in relation to Volvo Cars Global Newsroom click here.

La Newsroom di Volvo Cars utilizza i cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente all'interno di questo sito Web. I cookie del sito non registrano i dati personali. Per maggiori informazioni, si rimanda alla nostra Pagina dedicata alla Policy per l'utilizzo dei cookie.

Accetto