Comunicati stampa

Volvo investe nella start-up finlandese Varjo: La tecnologia della realtà mista ridurrà drasticamente i tempi di sviluppo dei veicoli

Zurigo - Il Gruppo Volvo Car e Varjo stanno ridefinendo i processi di sviluppo automobilistico: il produttore svedese premium, insieme alla start-up finlandese Varjo, ha sviluppato un modernissimo un approccio di realtà mista che permetterà ad ingegneri e progettisti di testare prototipi, sistemi di sicurezza e design nella realtà futura - anni prima che i veicoli arrivino sul mercato. Volvo Cars sarà così in grado di ridurre drasticamente i tempi e i costi di sviluppo in futuro. La collaborazione esclusiva è stata avviata dal Volvo Cars Tech Fund, che investe in Varjo. 

 

Tale collaborazione sarà ulteriormente rafforzata dalla decisione del Volvo Cars Tech Fund di investire in Varjo. Il Tech Fund è il fondo di venture capital della casa automobilistica svedese che investe in start-up con elevato potenziale tecnologico.

Volvo Cars e Varjo hanno reso possibile per la prima volta la guida di un’auto reale indossando un visore di realtà mista, con la possibilità di aggiungere senza soluzione di continuità, a fini progettuali, elementi virtuali o funzionalità complete che sembrano reali sia al conducente che ai sensori della vettura. Finora nessuna casa automobilistica ci era riuscita.

Il visore Varjo XR-1, lanciato oggi, offre una realtà mista o virtuale fotorealistica con una risoluzione ad alta definizione superiore a qualsiasi prodotto attualmente reperibile in commercio. L’XR-1 può pertanto ridurre radicalmente le tempistiche di progettazione permettendo di valutare funzionalità e progetti quasi immediatamente.

Rispetto al suo predecessore, l’XR-1 aggiunge telecamere ad alta definizione al visore, consentendo un approccio di realtà mista. Ciò permette ai progettisti e agli ingegneri di Volvo Cars di ‘guidare’ le auto del futuro e valutare tutte le loro caratteristiche in un ambiente di simulazione molti anni prima che queste esistano, consentendo all’azienda di sviluppare auto che garantiscano la massima sicurezza, oltre a offrire l’esperienza utente più sofisticata possibile.

«Grazie a questo approccio di realtà mista possiamo iniziare a valutare progetti e tecnologie quando ancora si trovano letteralmente sul tavolo da disegno», ha dichiarato Henrik Green, Chief Technology Officer presso Volvo Cars. «Invece che valutare nuovi prodotti e idee in modo statico come di consueto, possiamo testare i progetti immediatamente su strada. Questo approccio offre un notevole potenziale di risparmio sui costi identificando priorità ed eliminando strozzature nel corso del processo di progettazione e sviluppo con larghissimo anticipo.»

L’XR-1 consente inoltre agli ingegneri di Volvo Cars di mettere a punto e valutare soluzioni di sicurezza attiva in modo molto più semplice. Gli esperti di sicurezza possono guidare automobili reali mentre indossano il visore XR-1 presso i centri di ricerca di Volvo in Svezia, testando sistemi virtuali di sicurezza attiva applicati a un contesto reale tramite la realtà aumentata.

La tecnologia di tracciamento dei movimenti oculari ad altissima precisione integrata nell’XR-1 consente di valutare facilmente il modo in cui gli automobilisti utilizzano una nuova funzionalità e verificare se vengono in qualche modo distratti. Questo approccio basato sulla tecnologia per la misurazione dei livelli di distrazione consente a Volvo Cars di progettare nuove funzionalità senza causare ulteriore distrazione.

«Fin dall’inizio il nostro obiettivo era creare un prodotto che coniugasse alla perfezione mondo reale e virtuale», ha dichiarato Niko Eiden, fondatore e CEO di Varjo. «Le modalità incredibilmente avanzate in cui Volvo Cars utilizza l’XR-1 dimostrano che la tecnologia di Varjo permette di realizzare ciò che fino ad ora non è stato possibile. Insieme a Volvo abbiamo inaugurato una nuova era nella realtà mista professionale.»

Volvo Cars funge da apripista nell’industria automobilistica per quanto concerne l’utilizzo della realtà aumentata e della realtà virtuale per scopi di progettazione e sviluppo. La partnership con Varjo è l’esempio più recente e più innovativo della solida posizione di cui gode l’azienda in questo settore. Volvo Cars crede fermamente nel potenziale delle partnership intelligenti con aziende leader in campo tecnologico per la progettazione di tecnologie di nuova generazione.

«Varjo è sicuramente un leader nel suo settore», afferma Zaki Fasihuddin, CEO del Volvo Cars Tech Fund. «La tecnologia di quest’azienda promette molto bene per il futuro, ma offre già adesso valide applicazioni per Volvo Cars. Varjo è l’esempio più emblematico del tipo di aziende in cui cerchiamo di investire.»

Il visore Varjo XR-1 e l’applicazione della tecnologia di Volvo Cars saranno presentati a partire da oggi presso l’Augmented Reality World Expo di Santa Clara, in California. La domanda di brevetto per l’applicazione di questa tecnologia è già stata depositata.

Keywords:
Tecnologia, Azienda
Le descrizioni e i dati riportati nel presente materiale per la scaricastampa fanno riferimento alla gamma internazionale di autovetture prodotte da Volvo Cars. Gli equipaggiamenti descritti potrebbero essere opzionali. Le specifiche dei veicoli potrebbero variare a seconda del paese di vendita e possono subire modifiche senza preavviso.

Contattateci

For information on how Volvo Cars process your personal data in relation to Volvo Cars Global Newsroom click here.

La Newsroom di Volvo Cars utilizza i cookie per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente all'interno di questo sito Web. I cookie del sito non registrano i dati personali. Per maggiori informazioni, si rimanda alla nostra Pagina dedicata alla policy per l'utilizzo dei cookie.

Accetto